Il nostro pane, preparato a regola d'arte Il nostro pane, preparato a regola d'arte
20 Giugno 2019

Al ristorante “La Anchoa” ritrovi il gusto genuino del pane prodotto con grani antichi di Sicilia

Mangiare il pane fatto in casa è tutta un’altra storia. Si sa, il pane è un elemento importantissimo della nostra dieta, apre gli appetiti più difficili e con il suo profumo inebria e riempie la tavola.

Quando acquistate del pane, vi siete mai chiesti cosa ci sia di vero in quella nota “a lievitazione naturale”? Il lievito usato è realmente naturale o una miscela di lievito di birra e lievito madre? Che acqua viene utilizzata? E il sale? Quanto tempo è dedicato alla lievitazione?

Quante domande, vero? Ma qui, nelle cucine del ristorante “La Anchoa”, lo prepariamo da sempre con le nostre mani, scegliendo solo le migliori farine di grani antichi siciliani con germe di grano integrale naturale macinato a pietra, acqua, sale marino e lievito madre che cresce insieme a noi da generazioni.

Perché scegliamo solo farine di grani antichi siciliani? Perché conosciamo il valore e il gusto del sapore originario del pane e perché qui, in Sicilia, considerata in passato “il granaio di Roma”, sarebbe davvero impossibile fare altrimenti, soprattutto per il nostro chef Francesco Cassarino, un vero cultore della cucina buona e salutare.

Solo grani antichi di Sicilia, perché il buon cibo fa bene alla nostra salute

Commercialmente il grano più apprezzato è quello con maggior indice di glutine, in grado di velocizzare i tempi di panificazione, di ridurre i tempi di produzione, e di consentire un abbassamento dei costi con un consequenziale aumento dei guadagni. La grande industria, quindi, non potendo trarre profitto dalla lavorazione di frumento a basso contenuto di glutine, ci costringe al consumo di farine poco digeribili per il nostro intestino, tossiche per il nostro organismo.

Il glutine, sostanza non facile da digerire, non essendo ben tollerato dal nostro corpo, induce alla produzione di radicali liberi, origine di allergie e intolleranze alimentari. Tuttavia, gli estimatori del “mangiar sano” hanno scoperto che i grani antichi siciliani utilizzati dai nostri nonni e da loro stessi prodotti per uso personale, andati nel dimenticatoio per via del boom industriale, sono una reale fonte di benessere.

Tra l’altro, la produzione di questi grani, a differenza dei grani moderni, risulta più semplice perché resistenti ad alte temperature, alla siccità e ai parassiti.

La Sicilia: “il grande granaio di Roma”

grani antichi siciliani sono frumenti duri. Si contano ben 52 varietà di grani autoctoni siciliani. Non adatti alla coltivazione intensiva meccanizzata, hanno una resa per ettaro bassa rispetto alla coltivazione delle specie moderne oggi diffuse in larga scala. Inoltre, ben oltre 50 paesi europei e l’Organizzazione Mondiale per il Commercio (OMC) hanno proibito lo scambio di varietà di prodotti tra gli agricoltori, facendo così perdere ai contadini la possibilità di mantenere, conservare e tramandare le sementi siciliane e favorendo la scomparsa delle varietà di grani antichi, al punto che in Sicilia, nel 2009, il 50% della produzione di circa 10 milioni di quintali di grano è stato ottenuto da una sola varietà.

Perché “La Anchoa” sceglie solo grani antichi di Sicilia?

Mangiare sano fa bene alla salute, questo è risaputo. Ma cosa significa mangiare sano? Vuol dire alimentarsi con prodotti che non hanno subito modificazioni genetiche. I grani moderni, quelli richiesti dall’industria alimentare, lavorati con le nuove tecnologie per ottenere farine sempre più raffinate, prive di crusca, in tempi brevi, perdono il loro valore nutritivo. L’uomo, ingerendo continuamente alimenti derivati da farine raffinate, mette in grave pericolo la propria salute perché sempre più esposto ad un’altissima probabilità di disfunzioni e allergie.

Concludiamo affermando che nutrirsi con pane, pasta e prodotti da forno ottenuti da grani antichi, macinati a pietra e a freddo, oltre ad avere un elevato valore nutritivo, riducono alcuni rischi di patologie come quelle cardiovascolari, diabetiche, dell’apparato digerente e migliorano il processo digestivo eliminando i problemi di stitichezza per l’apporto di fibre.

Inoltre, la presenza dell’octacosanolo, contenuto nel germe di grano, migliora la resistenza fisica e la funzionalità dell’ipofisi, ottimizzando l’efficienza mentale e fisica.

Al ristorante “La Anchoa”, sul litorale di Marina di Ragusa, avrete la possibilità di riscoprire il gusto autentico e genuino del pane prodotto con farine di grani antichi macinati a pietra. Specializzati nell’arte dell’impasto a base di farine siciliane integrali di alta qualità come il Margherito e il Precciasacchi, sforniamo ogni giorno un pane buono, fresco e lievitato naturalmente per 24 ore, preparato semplicemente con farina, acqua, sale marino e lievito madre. 

Cosa aspettate? Venite a scoprire il gusto autentico del pane cotto in casa: vi aspettiamo!

Il ristorante La Anchoa saprà stupirvi con menu di pesce e di carne, studiati ed elaborati per offrirvi quanto di più genuino e gustoso offra la tradizione siciliana perfezionata dalla tecnica, con assoluto rispetto delle materie e del vostro palato.

E ancora, se siete dei veri estimatori della cottura alla griglia, avrete la certezza di trovare una selezione di carni pregiare provenienti da differenti paesi, frollate con massima attenzione, conservate e tagliate poco prima della cottura direttamente nelle nostre cucine. Manzo, scottona, pezzata rossa, fassona, carni preparate con differenti tempi di cottura per esaltare al meglio il gusto pieno che ogni taglio saprà regalare al vostro palato.